ACCADDE (curiosità di ieri e...oggi)

29 novembre 2020

28/11/2010: IL “GROTTA POLIFEMO” APRE LE PORTE ALLA SERIE C

 
Milazzo calcio, anno santo 2010. Ci perdonino i lettori più sensibili se si è voluto trasporre un termine sacro nel profano mondo pallonaro. In quell'anno solare storico si è realizzato un sogno che sembrava impossibile, irrealizzabile; il 16 maggio 2010 il Milazzo approda in Serie C (al secolo Lega Pro) per la prima volta nella sua ultrasettantenale storia. Una favola da raccontare ai nipoti, profumata di magia, intensa e commovente. Una favola da leggere tutta d'un fiato, per poi rileggerla ancora una volta, dieci volte, cinquanta volte, tanto non ci si annoierebbe mai....
Il Milazzo nella stagione 2010/11 partecipa al primo campionato professionistico della sua storia. Dopo un inizio thrilling caratterizzato da un pareggio e quattro sconfitte consecutive nelle prime cinque partite, la formazione mamertina allenata dal grande Antonio Venuto comincia a inanellare una sfilza di meravigliosi risultati che la portano sino al conseguimento di uno straordinario terzo posto nella regular season con la conseguente qualificazione ai play-off, persi nel doppio confronto con l'Avellino.
Facciamo un passo indietro e torniamo all'estate 2010. Dopo una serie di voci, controvoci, bufale, varie ed eventuali, avviene il passaggio di consegne ad un nuovo sodalizio societario che possa garantire una quantomeno dignitosa permanenza in Lega Pro. Urgono incombenze ineludibili, soprattutto quelle relative all'agibilità dello stadio. Il caro vecchio “Grotta Polifemo” (ai tempi il nome della struttura, Marco era ancora con noi) dovrà subire dei notevoli lavori di ammodernamento, su tutti l'installazione dell'impianto di illuminazione, per poter ospitare gare in ambito professionistico.
Parte una disperata corsa contro il tempo che però non impedisce al Milazzo di poter giocare i match casalinghi nel proprio terreno di gioco, seppur con le porte “semichiuse” con ingresso consentito solo ai pochi abbonati (neanche tutti per la verità) dislocati in tribuna con la gradinata chiusa e in fase di ristrutturazione. E in questa situazione i rossoblù disputano ben sei gare casalinghe (cinque di campionato più l'impegno di Coppa con il Siracusa) con pochissimi astanti, compresa la prima storica vittoria con l'Isola Liri, firmata da un gol di Di Pasquale da oltre 50 metri. I tifosi milazzesi però non demordono e trovano il modo di gustarsi le partite da luoghi “di fortuna”. Molti di essi si posizionano sulla Grotta Polifemo, qualcuno segue le gare dal mitico fortino, altri dai palazzi adiacenti e persino da un camion!!.
Il 19 ottobre è inaugurato l'impianto di illuminazione (per approfondimenti v. il primo episodio della nostra rubrica). Il 31 ottobre, in occasione di Milazzo – Vibonese, viene “battezzata” la tribuna stampa in “modalità provvisoria” con dieci postazioni, successivamente aumentate sino a quindici. Il calendario gioca a favore, i mamertini sono attesi da due trasferte consecutive a Catanzaro e Aversa e successivamente il campionato osserverà un turno di riposo. La data buona sembra quella del 28 novembre quando il Milazzo ospiterà il blasonato Brindisi. Ci sono ben quattro settimane di tempo per poter ultimare i lavori e aprire finalmente le porte al pubblico.
Inizia il countdown. La settimana antecedente al match fervono i preparativi per il grande evento. La società emette due comunicati stampa in rapida successione (a cura dell'impeccabile addetto stampa Gaetano Mangione, una sorta di maestro per chi vi scrive) con i quali indica le modalità di acquisto dei tagliandi d'ingresso mentre il Comune rende note le disposizioni relative alla viabilità, imponendo la chiusura della via Grotta Polifemo un'ora prima della partita, in programma alle 14:30. Ecco, focalizziamo la nostra attenzione sulle modalità dei biglietti per l'ingresso al campo. Nei comunicati stampa vengono indicati il termine iniziale (mercoledì 24) per poter procedere all'acquisto presso un noto bar di Milazzo e in altri punti vendita dislocati sul territorio regionale, nonché il termine finale previsto per sabato 27 novembre alle 14:30. Quest'ultimo aspetto è rilevante in quanto la chiusura prevendita 24 ore prima del match e, soprattutto, l'impossibilità di poter acquistare il biglietto nell'impianto, creerà non pochi malumori e problematiche. I tagliandi venduti saranno infatti circa 900 e molti sportivi milazzesi resteranno fuori dallo stadio in quanto non informati o male informati relativamente alle nuove modalità di vendita.
Duole un po' il cuore sottolineare che un evento storico di tale portata avrebbe meritato una presenza di pubblico molto più ampia ma nonostante ciò sugli spalti lo spettacolo si è registrato ugualmente, con la gradinata finalmente popolata dagli ultras rossoblù, desiderosi di poter finalmente rioccupare la loro “casa” e accendere il caloroso e incessante tifo.
Per la cronaca, il Milazzo superò il Brindisi per 2-0 grazie al rigore di Lasagna e ad una zampata di Proietti sottoporta. Vi riproponiamo il tabellino del match
28/11/2010: IL “GROTTA POLIFEMO” APRE LE PORTE ALLA SERIE C
MILAZZO-BRINDISI 2-0
MILAZZO: Terracciano, Dipasquale, Suriano (C), Bucolo (81' Orioles), Maccarrone, Lanzolla, Proietti, Suarino, D'Amico (65' Bica Badan) , Lasagna (78' Iannelli), Quintoni. All. Venuto
BRINDISI: Marconato, Mottola, Radi, Battisti, Taurino (C), La Rosa, Piro (49' Alessandrì), Minopoli (63' Cejas), Maiorino, Pisa (28' Ceccarelli), Moscelli. All. Rastelli
ARBITRO: Cifelli di Campobasso
MARCATORI: 18' Lasagna rig, 57' D'Amico
NOTE: Espulso La Rosa (B) al 50' per gioco violento. Ammoniti: Battisti, Suriano, Taurino, Bucolo. Spettatori: 1.000 circa. Recupero: 2'-5'. Angoli 4-1
DOMENICO LOMBARDO

Altre Pagine

03 dicembre 2021

Antony Arena torna a Milazzo

 
03 dicembre 2021

Tre turni infrasettimanali per essere al passo con gli altri

 
27 novembre 2021

Gara combattuta dove emerge la voglia dei rossoblù che conquistano la vittoria e la testa della classifica

 
S.S.Milazzo matricola 938787
via M.Regis, 6
98057 Milazzo
email: ssmilazzo@pec.it