BRUTTA SCONFITTA A FALCONE

20 febbraio 2022

il 3-1 finale sancisce una prestazione sconcertante

UN MILAZZO IN CRISI D'IDENTITA' CEDE LE ARMI AL PRO FALCONE. ALLO “STEFANO SALMERI” I PADRONI DI CASA SI IMPONGONO PER 3-1
Seconda sconfitta in tre partite per il Milazzo che non riesce a sfatare il tabù dello "Stefano Salmeri" e deve arrendersi ad un ottimo Pro Falcone che si aggiudica tre punti pesantissimi con ampio merito. I rossoblù, colpiti dal gol a freddo, hanno provato a imbastire una reazione nella prima frazione, colpendo anche due legni con Trovato, salvo poi calare vistosamente nella ripresa dopo aver riaperto i giochi. Di contro, i padroni di casa sono stati sempre in partita guidati da un ispiratissimo Cristian Adamo, denotando una condizione fisica e psicologica decisamente migliore rispetto a quella dei ragazzi di Nastasi.
La cronaca. Mister Nastasi deve fare i conti ancora una volta con l'emergenza. La lista degli indisponibili è lunga: Leo, Matinella, Misiti, Cafarella, Brunetto, Mandanici (per la prima volta) ai quali si aggiunge lo squalificato Cardia. La linea difensiva è la stessa della partita di Coppa con Irrera dirottato a destra e Coulibaly al centro della difesa accanto a Shpellzaj, Laquidara copre la consueta corsia di sinistra. A centrocampo torna dal 1' Salvatore Trovato con Calcagno e Di Bella, tridente offensivo con Corso, Dama e Recupero. L'avvio del match è tutto appannaggio del Pro Falcone sin dai primissimi minuti. Dopo quattro giri di lancette un calcio di punizione da sinistra di Adamo costringe Hoxhaj alla deviazione in corner. Un minuto dopo arriva il vantaggio dei padroni di casa: corner da sinistra, traiettoria a rientrare, Hoxhaj respinge sui piedi dell'ex Giuseppe Maisano che deposita in rete con un tap-in da pochi passi. Il Milazzo accusa un po' in colpo, la reazione tarda ad arrivare e si concreta con due conclusioni dalla distanza di Dama (18') e Laquidara (22') neutralizzate da Benfatta senza problemi. Al 30' bella trama di gioco dei rossoblù, riceve palla Trovato che calcia dai venti metri con il mancino, la sfera accarezza la parte alta della traversa. Sull'altro fronte al 35' un lancio dalle retrovie libera Adamo che si invola verso Hoxhaj, Coulibaly chiude disperatamente in corner. Al 38' il raddoppio dei giallorossi di mister Bitto su una ripartenza orchestrata dal solito Adamo, servito Zappia sulla sinistra, palla in mezzo per Di Salvo che appoggia in rete da pochi passi a porta sguarnita. Nel recupero Trovato è ancora sfortunato, centrando il palo interno dal vertice sinistro dell'area di rigore dopo essersi elegantemente liberato di un avversario.
A inizio ripresa il Milazzo ci prova dopo appena quaranta secondi ma il tentativo di Dama dai 25 metri è disinnescato da Benfatta. Mister Nastasi lancia nella mischia Dushkaj e Arena. Al 52' assolo del giovane Corso che si incunea in area e trova l'opposizione fallosa di Micalizzi. E' rigore, trasformato da Dama che riapre i giochi. Ma, paradossalmente, dopo il gol il Milazzo sparisce dal campo. Il Pro Falcone riprende in mano le redini della partita. Al 62' lo scatenato Adamo cerca da posizione impossibile, fuori di poco. Al 72' velenoso diagonale di Maisano da pochi metri, Hoxhaj si supera e devia in corner con la punta delle dita. C'è solo la formazione di Bitto in campo e gli sforzi vengono premiati al 80' quando il signor Pecora assegna un penalty per un fallo di mano in area su conclusione di Agolli. Adamo spiazza Hoxhaj siglando il 3-1. Sulle ali dell'entusiasmo il Pro Falcone prova rimpinguare il bottino con Zappia al 87' e Pier Simone Benfatta al 89', in entrambe le occasioni Hoxhaj si oppone evitando un passivo peggiore. Il Milazzo ha un piccolo sussulto negli ultimi istanti di gara. Al 90' il neo entrato Del Bello centra dalla linea di fondo per Dushkaj che calcia a botta sicura, un rimpallo fa terminare la sfera fuori di un nonnulla. Al 93' ci prova Trovato su punizione, senza esito. L'ultima chance è per Del Bello che calcia al volo con buona coordinazione poco sopra la traversa.
La sconfitta odierna ha certamente un peso rilevante sull'economia della classifica. Il Milazzo deve adesso guardarsi anche alle spalle per salvaguardare almeno il piazzamento play-off. E' certamente un'ipotesi un po' pessimistica ma sono i numeri che parlano. Adesso è necessario un importante cambio di rotta, a partire dalla gara di Coppa mercoledì prossimo a Brolo. C'è un quarto di finale da conquistare, non c'è tempo per piangersi addosso.....
Ecco il tabellino del match
PRO FALCONE – MILAZZO 3-1
PRO FALCONE: Benfatta, Pino, Chiofalo (60' Benfatta P), Agolli, Micalizzi, Maisano, Zappia, Di Stefano, Di Salvo (71' Jaiteh), Adamo C. (85' Mendolia), Cannizzo (90' Adamo A.). A disposizione: Valenti, Squatrito,Alessandro M., Alessandro G., Foti. All. Bitto.
MILAZZO (4-3-3): Hoxhaj; Irrera (48' Ferlazzo), Shpellzaj, Coulibaly, (80' Del Bello) Laquidara; Di Bella (48' Dushkaj), Calcagno, Trovato; Corso (64' Arena), Dama, Recupero (64' Parisi). A disposizione: Fassari, Maio, Gitto. All. Nastasi.
Arbitro: Pecora di Messina. Assistenti: Belvedere e Di Marco di Palermo
Marcatori: 5' Maisano (P), 38 Di Salvo (P), 52' rig Dama (M), 80' rig. Adamo (P)
Note: ammoniti Chiofalo (P), Laquidara (M), Irrera (M), Agolli (P)

Altre Pagine

08 maggio 2022

La più bella prestazione dell'anno si spegne contro la sfortuna

 
04 maggio 2022

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI DELLE SOCIETÀ SPORTIVE DI MESSINA E BARCELLONA P.G.

 
27 aprile 2022

Al "Marco Salmeri" lo si è ricordato

 
S.S.Milazzo matricola 938787
via M.Regis, 6
98057 Milazzo
email: ssmilazzo@pec.it